PROGRAMMA ENERGIA INTELLIGENTE - EUROPA (IEE) 2007-2013

Area del Programma
UE 27  -  Norvegia  -  Svizzera - Balcani Occidentali (Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Montenegro e Serbia) Croazia, Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia e Turchia.

Obiettivo generale del programma
a) incoraggiare l'efficienza energetica e l'uso razionale delle risorse e energetiche;
b) promuovere le fonti d'energia nuove e rinnovabili e incoraggiare la diversificazione energetica;
c) promuovere l'efficienza energetica e l'uso di fonti d'energia nuove e rinnovabili nei trasporti.

Obiettivi operativi
– fornire gli elementi necessari a migliorare la sostenibilità, sviluppare il potenziale di città e regioni e preparare le misure legislative necessarie per raggiungere gli obiettivi strategici in campo energetico; mettere a punto mezzi e strumenti per seguire, monitorare e valutare l'incidenza delle misure adottate a livello comunitario e nazionale nei settori d'azione del programma;
– sostenere gli investimenti in tecnologie nuove e altamente redditizie in termini di efficienza energetica, nell'uso di fonti di energia rinnovabili e nella diversificazione energetica, anche nel settore dei trasporti, colmando la lacuna esistente tra la fase di dimostrazione di tali tecnologie e lo loro effettiva commercializzazione su vasta scala, al fine di stimolare gli investimenti pubblici e privati, promuovere tecnologie strategiche chiave, diminuire i costi, aumentare l'esperienza di mercato, ridurre i rischi finanziari e di altro tipo ed eliminare gli ostacoli che frenano gli investimenti in queste tecnologie;
– eliminare gli ostacoli non tecnologici che frenano l'adozione di modelli efficienti e intelligenti di produzione e consumo di energia, incoraggiando il miglioramento delle capacità delle istituzioni ( a tutti i livelli), sensibilizzando il pubblico, in particolare attraverso il sistema educativo, favorendo gli scambi di esperienze e di know-how tra i principali soggetti interessati, le imprese e i cittadini in generale e stimolando la diffusione delle migliori pratiche e delle migliori tecnologie disponibili, in particolare mediante campagne promozionali.

Beneficiari
Organizzazioni pubbliche o private (con personalità giuridica) stabilite nell'UE (comprese quindi le PMI).

Azioni d’intervento
1) SAVE – Efficienza energetica e uso razionale delle risorse
- azioni per il miglioramento dell'efficienza energetica e per l'uso razionale dell'energia, in particolare nei settori dell'industria e dell'edilizia (a eccezione delle iniziative che rientrano in STEER);
2) ALTENER – Fonti d'energia nuove e rinnovabili
- promozione delle fonti d'energia nuove e rinnovabili per la produzione centralizzata e decentrata di elettricità, di calore e di freddo, sostenendo la diversificazione delle fonti d'energia (a eccezione delle iniziative che rientrano in STEER);
-integrazione delle fonti d'energia nuove e rinnovabili nel contesto locale e nei sistemi energetici;
- sostegno all'elaborazione e all'attuazione di provvedimenti legislativi.
3) STEER – Energia e trasporti
- sostegno ad iniziative riguardanti tutti gli aspetti energetici dei trasporti e la diversificazione dei carburanti;
- promozione dei carburanti rinnovabili e dell'efficienza nei trasporti;
- sostegno all'elaborazione e all'attuazione di provvedimenti legislativi.
4) Iniziative integrate
Misure che riguardano due o più delle azioni precedenti o che si riferiscono al alcune priorità comunitarie; sono dirette tra l'altro:
- all'integrazione dell'efficienza energetica e delle fonti d'energia rinnovabili in diversi settori economici;
- ad associare vari strumenti e soggetti nel quadro della stessa iniziativa o dello stesso progetto.

Tipologia di progetti
A. Progetti di promozione e diffusione
• Studi strategici basati su analisi condivise e sul monitoraggio dell'evoluzione del mercato e delle tendenze in materia energetica, al fine di:
- preparare provvedimenti legislativi nuovi o modificare la normativa esistente in particolare relativamente al funzionamento del mercato interno dell'energia;
- attuare la strategia energetica di medio e lungo periodo a favore dello sviluppo sostenibile;
- porre le basi per impegni volontari a lungo periodo da parte dell'industria e di altri soggetti interessati;
- sviluppare norme e sistemi di etichettatura e di certificazione.
Questi studi possono essere anche svolti in cooperazione con i paesi tersi e le organizzazioni internazionali.
• Creazione, estensione o riorganizzazione di strutture e strumenti per lo sviluppo energetico sostenibile, compresa la gestione energetica locale e regionale e lo sviluppo di prodotti finanziari e di strumenti di mercato adeguati, facendo ricorso all'esperienza delle reti che hanno operato in passato e che operano attualmente.
• Iniziative promozionali volte ad accelerare la penetrazione sul mercato di sistemi e attrezzature energetiche sostenibili e a stimolare investimenti che facilitino la transizione della fase dimostrativa alla commercializzazione di tecnologie più efficienti, le campagne di sensibilizzazione e il miglioramento delle capacità delle istituzioni.
• Sviluppo di strutture di informazione, istruzione e formazione; uso dei risultati, promozione e diffusione del know-how e delle migliori pratiche, anche presso i consumatori, divulgazione dei risultati delle azioni e dei progetti e cooperazione con gli Stati membri attraverso reti operative.
• Monitoraggio dell'attuazione e dell'incidenza dei provvedimenti legislativi e di sostegno comunitari.

B. Progetti di prima applicazione commerciale
• Progetti riguardanti la prima applicazione commerciale di tecniche, processi, prodotti o prassi innovativi d'interesse comunitario, la cui dimostrazione è stata già conclusa con successo. Questi progetti sono diretti a diffonderne l'uso nei Paesi partecipanti e a facilitarne l'assorbimento da parte del mercato.

Modalità e procedure
Per l'attuazione del programma la Commissione adotta un piano annuale di lavoro che espone dettagliatamente gli obiettivi, le misure necessarie a realizzarli, le priorità, i criteri di valutazione, i calendari operativi, le norme sulla partecipazione e i criteri di selezione e valutazione.

Budget comunitario
Il programma beneficia indicativamente di 728 milioni di euro, quindi del 20% dello stanziamento destinato complessivamente al CIP.

Referente
Commissione europea – DG Imprese e Industria e DG Energia e Trasporti

Sito ufficiale del Programma
http://ec.europa.eu/energy/intelligent/

 

News dall'Europa

Sei un aspirante contadino, ami viaggiare e hai buone capacità di adattamento? Puoi fare agricoltura all’estero (e anche in Italia) con il Wwoof : world wide opportunities on organic farm, un movimento nato nel Regno Unito al quale partecipano 40 Paesi.

Leggi tutto...
 

  2015 - ANNO EUROPEO PER LO SVILUPPO

Leggi tutto...
 

MACROREGIONE ADRIATICO IONICA

Leggi tutto...
 

Europa sostenibile sul web